Log In
Avatar

Fai il Login per accedere all'area riservata

 

Il Sistema delle Garanzie in Italia: intervento di Banca d’Italia

Il Sistema delle Garanzie in Italia: intervento di Banca d’Italia

Segnaliamo l’interessante intervento di Luca Zeloni, Capo del Servizio Supervisione Intermediari Finanziari della Banca d’Italia, al convegno “Il rilancio del sistema delle garanzie in Italia” (Unione Industriali Napoli, 6 dicembre 2017), disponibile in versione completa a questo link, nel quale viene presentato il punto di vista di Banca d’Italia sul tema del rilancio del sistema italiano della garanzia.

I forti cambiamenti che interessano il sistema dei confidi italiani, porteranno ad una riduzione del numero dei soggetti (ax art. 106 piuttosto che ex art. 112) che manterranno la loro operatività; tale riduzione non è da considerarsi negativa, se intesa come azione finalizzata al consolidamento e strutturazione del settore ed all’offerta di servizi più efficaci e qualitativamente migliori.
Zeloni riafferma con forza il ruolo e l’importanza del ruolo della garanzia consortile, suggerendo alcune azioni che, però, sarebbe auspicabile i confidi attivassero per uscire dalla crisi: revisione del modello di business, ricerca di nuove fonti di ricavo e recupero della redditività, miglioramento dei meccanismi di controllo interno (oltre, ovviamente, ad un’ottimizzazione dell’utilizzo del Fondo di Garanzia per le PMI, nell’ottica della sua recente riforma).

In conclusione, “sebbene il quadro macroeconomico sia favorevole, permangono ancora tensioni dal lato dell’offerta, soprattutto verso le piccole imprese. E’ in questo contesto che il sistema dei confidi deve fornire il proprio contributo superando l’attuale situazione di difficoltà con un’incisiva azione di rilancio. La conoscenza diretta delle imprese associate e la presenza sul territorio rendono possibile ridurre l’asimmetria informativa nel mercato del credito con potenziali effetti positivi per l’accesso delle piccole e medie imprese ai finanziamenti. I confidi sono quindi chiamati a irrobustire il processo di selezione e controllo delle garanzie accordate perseguendo l’efficienza della gestione e la sostenibilità economica confermandosi come interlocutori affidabili delle banche e degli enti pubblici sovventori.